POF 2010-11 - Scambio di classi in Germania

Gymnasium Wendalinum di Sankt Wendel

Terzo scambio di classi con il Gymnasium Wendalinum di Sankt Wendel (Saarland-Germania)

Una delegazione dell’ITC Colamonico, composta da 19 alunni accompagnati dall’insegnante di tedesco Prof. Iacovazzi, si è recata dal 4 all’11 dicembre 2010 a Sankt Wendel in Germania, in occasione del terzo scambio di classi organizzato dal nostro istituto con la scuola partner tedesca, il Gymnasium Wendalinum .
I ragazzi sono stati ospitati dalle famiglie degli alunni del Wendalinum ed hanno potuto frequentare alcune lezioni di Italiano, Tedesco, Francese, Musica. Particolarmente attenti erano i ragazzi tedeschi più piccoli, che nei prossimi anni studieranno italiano come terza lingua straniera e che hanno intervistato i nostri alunni in tedesco.
I nostri allievi, oltre a trascorrere una bellissima settimana presso le famiglie ospitanti, hanno potuto visitare le città di Saarbrücken (capitale della Saarland), Idar-Oberstein e Metz (capitale della Lorena, regione francese confinante con la Saarland).

La delegazione è stata accolta in forma ufficiale dal Dott. Werner Wilhelm presso il Landkreis (corrispondente alla nostra provincia), dove ha portato il saluto della nostre amministrazioni locali.
Tutti i ragazzi, sia i nuovi partecipanti che quelli che tornavano per la seconda volta a Sankt Wendel, hanno espresso il loro entusiasmo per la bella settimana trascorsa ed aspettano i loro  partner nella prossima primavera ad Acquaviva, per una splendida settimana in Puglia.





UNA SETTIMANA IN GERMANIA (Diario a cura della 4 A-Erica)

Sabato 4 dicembre
La nostra bellissima esperienza è cominciata di sabato pomeriggio in aeroporto, tra valigie, saluti e tante emozioni. Eravamo entusiasti e carichi di affrontare una nuova avventura tutti insieme, ma anche un po' preoccupati per via delle novità che ci aspettavano.
Le due ore in aereo sembravano infinite rispetto alla voglia di arrivare a destinazione.
Francoforte HANH era freddissima e tutta imbiancata dalla neve. È stata quella la prima cosa che ci ha colpito e ci ha fatto sorridere: tutto intorno a noi era bianco e totalmente diverso da ciò che avevamo lasciato a casa, in Italia. Dopo il viaggio in pullman per arrivare a Sankt Wendel il tempo è cominciato a volare. Fuori dal Gymnasium Wendalinum abbiamo trovato una folla ad attenderci e subito ci siamo messi alla ricerca dei nostri partner sperando (e già credendo) che da quel momento sarebbe nata una bellissima amicizia. Da qui le nostre strade si sono temporaneamente divise. Ognuno con la sua “famiglia” ha raggiunto casa oppure un bel posto caldo dove mangiare e iniziare a scambiare qualche chiacchiera...

                   
Domenica 5 dicembre
Domenica è stato il giorno dedicato alla famiglia, il giorno per tutti noi utile a rompere il ghiaccio ed entrare in confidenza non solo con i nostri partner ma anche con i loro genitori, fratelli e sorelle o amici...c'è chi ha sciato, chi è andato sullo slittino, chi ha passato la mattinata a dormire per recuperare le energie del giorno precedente, chi ha fatto shopping al mercatino di Natale o chi ha visitato la città che lo ospitava...insomma, ognuno di noi ha vissuto nuove esperienze pronte per essere raccontate agli amici l'indomani mattina, al nostro ritrovo a scuola...

Lunedi 6 dicembre
Il Nikolaus è arrivato portando con se tanti dolci e regali per tutti. Chi a colazione, chi a pranzo, chi a cena...alla fine tutti abbiamo ricevuto qualcosa in dono dalle famiglie dei nostri partner. Babbo Natale di cioccolata, guanti, cappelli, braccialetti o collane per farci sentire parte della tradizione tedesca per un giorno...
Nella mattinata, dopo le reciproche presentazioni fra tedeschi e italiani, abbiamo visitato la bella Sankt Wendel tra grandi fiocchi di neve.

Il pomeriggio ci siamo nuovamente divisi e con le famiglie ognuno di noi ha visto o fatto cose diverse. Tra shopping,  sport e sonnellino pomeridiano un'altra giornata è scivolata via...



Martedì 7 dicembre
Idar – Oberstein ci ha accolto in mattinata con la sua storia, la sua neve e il suo bellissimo museo di minerali e pietre preziose. Ci siamo divertiti a fotografare pietre particolari, ascoltando la loro storia e la loro lavorazione e abbiamo passato il tempo  tutti insieme formando sempre più un bel gruppo. Ha nevicato senza sosta e un bar caldo è sembrato l'ideale per riscaldarsi un po' prima del ritorno a Sankt Wendel. Il pomeriggio lo abbiamo passato in famiglia pensando già all'indomani....



Mercoledì 8 dicembre
In Italia si fa festa e anche noi in Germania ci divertiamo: Metz e la Francia ci aspettano!
Abbiamo passato le prime due ore a scuola. Durante la prima abbiamo lavorato in gruppo, nella seconda alcuni di noi sono andati in una settima classe, per rispondere alla domande dei più piccoli che, per il prossimo anno, devono scegliere se studiare l'italiano o il latino.  Abbiamo  cercato di essere convincenti e di far capire che l'italiano è bello e vale la pena studiarlo!!
verso le nove e mezza, assieme ai tedeschi siamo saliti sul pullman, direzione Francia.
Dopo la vista alla bella cattedrale e del centro della città, ci siamo divisi per le vie tra negozi, locali e bancarelle...sul pullman del ritorno alcuni hanno cantato, altri dormito e altri hanno fatto foto...stanchi ma soddisfatti della bella giornata...



Giovedi 9 dicembre
Tanto freddo, tanta neve e tanto divertimento per tutti. La strada per la Missionshaus sembrava infinita ma alla fine abbiamo raggiunto la nostra meta. Tra una palla di neve e l'altra siamo arrivati a destinazione per vedere la mostra di presepi da tutto il mondo. Che soddisfazione sentire che quelli italiani sono tra i più apprezzati al mondo!!!


La mattinata è volata è subito ci siamo ritrovati alla sede del Landkreis a far visita al presidente della provincia che, dopo un bel discorso, ha offerto cibo e bevande a tutti.
Dopo una bella foto di gruppo e i saluti ognuno è tornato con il proprio partner per passare il resto della giornata...


Venerdi 10 dicembre
dire che è l'ultimo giorno qui in Germania ci mette malinconia ma ci spinge anche a goderci al massimo l'ultima gita a Saarbrücken.
Dopo una simpatica ora trascorsa con i ragazzi del primo anno che ci hanno fatto domande sull'Italia, sulla scuola  e sulle nostre abitudini, abbiamo preso il treno per dirigerci nella capitale: Saarbrücken. Il fiume, la chiesa protestante, il vecchio castello e il panorama ci hanno accompagnato per tutta la mattinata, conclusasi poi nella bellissima Europa Galerie.


Trascorso l'ultimo pomeriggio con le rispettive famiglie ci siamo ritrovati a riempire le valigie, sistemando souvenir e vestiti alla meno peggio con la tristezza di chi non vuole ritornare a casa... alle sei ci siamo ritrovati a scuola per la serata dedicata a noi italiani. I professori, assieme ai genitori, hanno organizzato una bellissima cena con tante cose buone da mangiare.
Alcuni di noi hanno presentato i lavori di gruppo ai professori, genitori e compagni tedeschi per poi sederci tutti assieme e goderci la serata in allegria.
Siamo tornati a casa stanchi e soddisfatti consapevoli che l'indomani sarebbe stato un giorno impegnativo per il rientro.



Sabato 11 dicembre.
La sveglia nelle famiglie è suonata ad orari diversi, ma all'appuntamento delle 11 e 15 siamo stati tutti puntuali. Per l'ultima volta insieme nel Gymnasium Wendalinum ci siamo salutati, abbiamo scattato le ultime foto e, perché no, anche versato qualche lacrima.
Alle 11 e 30 il nostro pullman è partito e durante il viaggio abbiamo ricordato i momenti più divertenti di questa bellissima esperienza, sperando di poterla ripetere al più presto...

Chiara Pesola- Antonella Barone (4A-Erica)



Sankt Wendel e dintorni...(Sara Musci 3A-Erica)

Sankt Wendel è la città della Saarland, una regione della Germania sudoccidentale, dove siamo stati in visita per il progetto di scambio di classi con la scuola “Gymnasium Wendalinum”.
In questo periodo nella cittadina si respira la giusta atmosfera natalizia grazie alla presenza di addobbi di vario tipo per le strade, nei negozi, case e locali, e quest' anno  grazie anche alle abbondanti nevicate.
Nella piazza principale e nelle vie vicine, nei pressi del Duomo, viene allestito un mercatino di natale, “Weihnachtsmarkt ”, ricco di piccole e carine bancarelle che vendono prodotti gastronomici, piccoli oggettini e manufatti tipici del posto o della regione.

È strano per noi vedere gente che compra vestiario e armi medievali da questo mercatino, ma nonostante ciò quest'ultimo ci ha molto colpiti e incuriositi, poiché è per noi una novità, in quanto quasi del tutto assente nelle nostre città.
Non tutti i nostri partner tedeschi abitavano a Sankt Wendel, ma in piccoli paesini limitrofi, non molto distanti.
Questi sono piccoli borghi composti unicamente da case modestamente grandi, quasi tutte  
con giardino e vialetti, e durante il tragitto verso Sankt Wendel una cosa che ha impressionato e particolarmente incuriosito molti di noi è stato ammirare la presenza di caprioli nel bosco che costeggia le strade.
I cittadini, ma soprattutto le famiglie che ci hanno accolto, sono stati gentili e ospitali, sebbene con qualche inevitabile incomprensione.
In conclusione possiamo dire che il nostro soggiorno è stato molto interessante, divertente e utile per il miglioramento e l'arricchimento del nostro tedesco, e speriamo vivamente di poterci tornare al più presto.
Grazie a tutti :)